Partito Popolare Milanese

Il primo VERO partito di tutti
 
IndiceIndice  Homepage PPMHomepage PPM  GalleriaGalleria  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  
E' ora attivo il nuovo ufficio sul forum2. Ti aspettiamo!
Ultimi argomenti
» Incontro con Lord.emanu
Gio 12 Gen 2017 - 8:23 Da RosaSelvaggiaCasanova

» Buonasera!
Sab 14 Mag 2016 - 18:34 Da Skioppo

» Un saluto
Ven 5 Feb 2016 - 15:21 Da pusu92

» Incontro con Juan
Ven 15 Gen 2016 - 11:26 Da Juan Armando Domingo

» statuto del partito popolare milanese
Mar 8 Dic 2015 - 9:23 Da Fiammola

» Eccomi
Mar 1 Dic 2015 - 17:44 Da pusu92

» buondì ^^
Gio 26 Nov 2015 - 12:43 Da Samuele82

» Alcune domande al PPM
Gio 28 Feb 2013 - 20:55 Da pusu92

» [SEZIONE]come partecipare senza essere iscritto
Lun 18 Feb 2013 - 17:01 Da pusu92

Chi è in linea
In totale c'è 1 utente in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 1 Ospite

Nessuno

Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 26 il Mar 7 Apr 2015 - 22:28

Condividere | 
 

 Vecchio statuto del Partito Popolare Milanese

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Vecchio statuto del Partito Popolare Milanese   Mer 10 Feb 2010 - 19:33

Citazione :
STATUTO DEL PARTITO POPOLARE MILANESE


1.SUI PRINCIPI DEL PARTITO

1.0 Il Partito Popolare Milanese riconosce nella figura dell'Imperatore il capo supremo del Sacro Romano Impero.
1.1 Il Partito Popolare Milanese è un partito costituito da elettori e iscritti, fondato sul principio della democrazia, delle pari opportunità e segue un orientamento liberale, di ispirazione popolare riformatrice.
1.2 Il Partito Popolare Milanese affida alla partecipazione dei suoi membri le decisioni fondamentali che riguardano l'indirizzo politico e sociale.
1.3 Il Partito Popolare Milanese assicura a tutti i livelli, la presenza di uomini e donne nei suoi organismi decisionali interni e nelle candidature alle elezioni.
1.4 Il Partito Popolare Milanese promuove la partecipazione politica delle donne e degli uomini residenti nel Ducato di Milano, senza escludere in futuro un possibile ampliamento della sfera di influenza ad altri stati della Penisola Italica.
1.5 Il Partito Popolare Milanese riconosce e rispetta il pluralismo delle opinioni culturali e di pensiero e riconosce pari dignità a tutte le condizioni personali, genere, età, convinzione religiosa, ecc.
1.6 Il Partito Popolare Milanese propone un programma di governo per Milano e si impegna a realizzarlo in maniera coerente, nel riconoscimento dell'autonomia delle attività municipali.
1.7 Il Partito Popolare Milanese promuove una politica fatta di trasparenza e di informazione sugli eventi della penisola italica e oltralpe.
1.8 I Partito Popolare Milanese promuove il dialogo e la circolazione delle opinioni con gli altri Ducati e altri partiti nel caso di punti del programma condivisi.
1.9 Il Partito Popolare Milanese riconosce la religione Aristotelica come la religione principale e guida spirituale del Ducato, ritenendo comunque che ogni organo si attenga alla propria sfera, non confondendo l'attività politica con quella religiosa.

2. SOGGETTI FONDAMENTALI DELLA VITA DEL PARTITO

2.1 Il Partito Popolare Milanese è aperto a molteplici forme di partecipazione. Vengono identificati soprattutto due figure della vita democratica interna: gli iscritti e gli elettori.
2.2 Per iscritti si intendono le persone residenti nel Ducato di Milano che si iscrivono al partito accettando il seguente Statuto e di essere registrate nell' Albo degli iscritti.
2.3 Per elettori si intendono le persone residenti nel Ducato di Milano non iscritte al partito ma che si riconoscano nei principi e nelle idee del Partito.
2.4 Ogni cittadino residente nel Ducato di Milano che riconosca gli ideali e accetti il seguente Statuto può richiedere l'accesso al Partito Popolare Milanese che avverrà entro 48 ore dalla sua richiesta, è compito del Coordinatore locale segnalare al Consiglio di Partito eventuali incompatibilità del aspirante membro con il Partito. Il Consiglio di Partito entro 24 ore si esprimerà in merito. La votazione sarà valida se sono presenti il 50%+1 dei votanti e si raggiungerà una maggioranza dei 2/3.
2.5 Il partito si riserva di poter escludere un membro nel caso che quest' ultimo non si riconosca più negli ideali del Partito e nello Statuto. Il Consiglio di Partito ha l'obbligo di vigilare sui membri e votare eventuali esclusioni. La votazione è valida se sono presenti il 50%+1 degli aventi diritto e si ottiene una maggioranza dei 2/3.
2.6 Il Partito Popolare Milanese è strutturato nel seguente modo:
-Consiglio del Partito
-Assemblea di Partito
-Assemblea Cittadina
2.7 Il Consiglio del Partito è l'organo massimo decisionale del partito ed è composto da 3 consiglieri eletti dal Congresso, il Segretario Generale, il Portavoce e i Consiglieri Ducali. Le votazioni all'interno del Consiglio saranno di maggioranza.
Il Consiglio dopo aver preso una decisione la mette ai voti all'Assemblea del Partito, cossìcchè tutti i militanti possano votare. La decisione viene applicata quando la maggioranza dei votanti votano favorevole.
2.8 L'Assemblea di Partito è una riunione alla quale partecipano tutti i militanti iscritti al partito che si concretizza nelle discussioni ufficiali che avvengono nella Piazza del Partito. Le discussioni e le votazioni dell’Assemblea sono moderate dal Segretario Generale e regolamentate dall’ iter per le proposte interne al partito.
2.9 Le Asseblee Cittadine sono organi locali ed uniche e corrispondendenti ad ogni città. Ne fanno parte i militanti del partito di quella città.
Può essere nominato un Coordinatore locale che abbia come compito quello di coordinare la sezione del partito locale a grani splendori.
L'elezione del Coordinatore locale avviene tramite candidatura presso la sezione cittadina, in caso di candidature multiple o nel caso in cui la città in questione già ha un Coordinatore locale, si assegnerà la carica al candidato che otterrà più voti tra i militanti iscritti nella città in questione.
2.10 Il Segretario del Generale viene eletto dal Congresso di Partito, porta avanti la linea politica che esce dal Congresso, è il referente del partito all'esterno. Rappresenta e modera il partito ed è il garante dello Statuto apre e chiude le votazioni e discussioni su questioni del partito. Presiede il Consiglio di partito con potere di voto, ha la facoltà di porre all’ordine del giorno in Consiglio e in Assemblea di partito proposte anche se queste sono precedute da altre nella presentazione in Cancelleria. Conferisce le tessere di partito ai nuovi iscritti ( capo gruppo forum ufficiale rr). Dati tutti i suoi innumerevoli doveri viene considerato la massima carica del partito.
2.11 Il Portavoce viene eletto dal Congresso di Partito. siede in Consiglio di partito con potere di voto. Il Portavoce è il responsabile dei rapporti del partito con l’esterno, i suoi compiti riguardano, la diramazione di comunicati, la cura della parte pubblica del partito, il tesseramento di nuovi militanti, la stesura del Gazzettino di Partito, l’informazione di militanti ed elettori tramite missive la gestione dell' Uffico di Partito presso al taverna ducale. Il Portavoce puo nominare uno o più collaboratori, presentando una richiesta al Consiglio di Partito.
2.12 Il Consigliere viene eletto dal Congresso di Partito, siede in Consiglio di partito con potere di voto. Deve garantire almeno una presenza giornaliera al Consiglio.
2.13 Il Consigliere Ducale viene eletto dall’ elettorato durante le elezioni Ducali, siede in Consiglio di Partito con diretto di voto. Rappresenta il Partito in senno al Consiglio Ducale facendo da portavoce delle proposte e delle linee guida del Partito garantendo la loro attuazione pratica.
2.14 Il Cancelliere viene eletto dal Congresso di Partito, si occupa della burocrazia del Partito, risponde al regolamento della Cancelleria. Modera le discussioni dell'Assemblea del Partito. ( moderatore forum ufficiale rr ).
2.15 Il Coordinatore Locale viene eletto in seguito alla presentazione della candidatura presso la sezione cittadina, in caso di candidature multiple o nel caso in cui la città in questione già ha un Coordinatore locale, si assegnerà la carica al candidato che otterrà più voti tra i militanti iscritti nella città in questione.
Il Coordinatore locale presiede l’Assemblea cittadina della città assegnatagli ed i suoi compiti riguardano la rappresentanza del PPM nella sua città oltre al reclutamento la gestione di feste e campagne elettorali, l'invio di missive e la stesura di un rapporto periodico presso la sede cittadina del partito della situazione della propria città.
2.16 Il Militante è un cittadino del Ducato di Milano iscritto al PPM, può accedere a tutte le cariche di partito e alle liste per le elezioni ducali partecipando alle elezioni interne, i suoi diritti e doveri sono ripertati al paragrafo 3.
2.17 L’elettore è un cittadino del Ducato di Milano non iscritto al PPM ma che si rispecchia negli ideali e nelle linee guida del partito.


3. DIRITTI E DOVERI DEL MILITANTE

Ogni membro del Partito Popolare Milanese ha il diritto di:
-partecipare alle elezioni Ducali presentato nella lista.
-avanzare la propria candidatura a ricoprire cariche istituzionali.
-votare nei sondaggi aperti nel forum.
-avere accesso a tutti gli aspetti della vita del Partito.
-prendere parte alle assemblee
-essere consultati sulla scelta delle candidature alla lista per elezioni ducali.
-partecipare attivamente e consapevolmente alla vita del Partito.

Tutti i mebri del Partito hanno il dovere di:
-favorire l'ampliamento dei consensi del Partito negli ambienti sociali in cui sono inseriti.
-rispettare lo Statuto, le cui violazioni possono dare luogo alle sanzioni previste sopra.
-sostenere lealmente i suoi candidati alle cariche istituzionali ai vari livelli.

4. ITER PER LE PROPOSTE INTERNE AL PARTITO

-Tutti i membri del Partito possono presentare delle proposte presso l'ufficio del cancelliere. ( saranno chiamate proposte ma possono essere punti del programma, linee di partito, comunicati da presentare sui forum, prese di posizioni in base ad eventi accaduti nel ducato, revisioni dello statuto, revisioni dei regolamenti di partito e proposte varie)
-La proposta deve essere presentata presso l'ufficio del Cancelliere.
-Il Cancelliere può respingere una proposta se questa non è stata presentata in modo corretto, ovvero: problema, considerazioni, soluzione considerazioni finali. Le proposte saranno presentate all’ Assemblea di Partito presso la Piazza del Partito ( forum ufficiale rr) secondo l’ordine di presentazione in Cancelleria.
-Nel caso in cui la proposta non è stata presentata in modo corretto il Cancelliere entro 48 ore dalla presentazione comunica al promotore ( tramite il topic della proposta stessa) i motivi per cui la proposta non è ritenuta valida e necessita di modifiche. Se entro ulteriori 48 ore non vengono apportate le necesarie modifiche la proposta viene automaticamente respinta e archiviata.
-La proposta che arriva all'Assemblea di Partito viene discussa per 72 ore dalla sua apertura.
-Al termine della discussione, il promotore ha tempo 48 ore per apportare eventuali modifica alla proposta che altrimenti verrà sottoposta alla votazione così come è stata presentata all'ufficio del Cancelliere.
-Al termine della discussione si procederà con la votazione che durerà 48 ore.
-Nel caso in cui la proposta viene approvata, passa al Consiglio di Partito per l'approvazione finale, il Consiglio di Partito deve emanare un verdetto entro 48 ore.
-Nel caso in cui la proposta sia bocciata dall’ Assemblea o dal Consiglio, può essere corretta e ripresentata da chi l'ha proposta inizialmente per una seconda ed ultima discussione ( 48 ore) e votazione (48 ore).
-Il Consiglio può avanzare proposte direttamente all'Assemblea di Partito.
-Il Consiglio di Partito può in caso di emergenza approvare una proposta senza il consulto dell' Assemblea Partito, questa proposta verrà in secondo momento portata all'Assemblea con l'iter usuale per la ratifica.

Tornare in alto Andare in basso
 
Vecchio statuto del Partito Popolare Milanese
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» in contemporanea con la merenda milanese/bergamasca....
» Come uscire da un partito?
» TRATTATO RIGUARDANTE LO STATUTO DEGLI AMBASCIATORI DELLA REPUBBLICA FIORENTINA E DELLA CONTEA DI PROVENZA
» Statuto del Gran Ciambellano e del Ciambellano Anziano
» TRATTATO RIGUARDO LO STATUTO DEGLI AMBASCIATORI TRA FIRENZE E OLANDA

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Partito Popolare Milanese :: Documenti-
Andare verso: