Partito Popolare Milanese

Il primo VERO partito di tutti
 
IndiceIndice  Homepage PPMHomepage PPM  GalleriaGalleria  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  
E' ora attivo il nuovo ufficio sul forum2. Ti aspettiamo!
Ultimi argomenti
» Buonasera!
Sab 14 Mag 2016 - 18:34 Da Skioppo

» Un saluto
Ven 5 Feb 2016 - 15:21 Da pusu92

» statuto del partito popolare milanese
Mar 8 Dic 2015 - 9:23 Da Fiammola

» Eccomi
Mar 1 Dic 2015 - 17:44 Da pusu92

» buondì ^^
Gio 26 Nov 2015 - 12:43 Da Samuele82

» Alcune domande al PPM
Gio 28 Feb 2013 - 20:55 Da pusu92

» [SEZIONE]come partecipare senza essere iscritto
Lun 18 Feb 2013 - 17:01 Da pusu92

» MA CHE COS'HA IL PPM IN PIU' DEGLI ALTRI?
Dom 13 Gen 2013 - 11:25 Da Ospite

» MERCATO PAVIA
Mar 27 Nov 2012 - 19:48 Da Ospite

Chi è online?
In totale c'è 1 utente in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 1 Ospite

Nessuno

Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 26 il Mar 7 Apr 2015 - 22:28

Condividi | 
 

 Programma elettorale

Andare in basso 
Vai alla pagina : 1, 2, 3, 4, 5  Seguente
AutoreMessaggio
Skioppo
Admin
avatar

Maschio Numero di messaggi : 2623
Età : 42
Località : RR: Parma - RL: Agropoli (Sa)
Militanza :
Data d'iscrizione : 28.07.08

MessaggioTitolo: Programma elettorale   Mar 22 Feb 2011 - 18:03

Iniziamo a pensare al programma elettorale

_________________
Torna in alto Andare in basso
Samuele82
Militante Supremo
Militante Supremo
avatar

Maschio Numero di messaggi : 1381
Età : 35
Località : RR: Piacenza
Data d'iscrizione : 22.09.09

MessaggioTitolo: Re: Programma elettorale   Mar 22 Feb 2011 - 18:36

Marius aveva accennato alla creazione di una "polizia stradale ante litteram", che pattugli i nodi in modo da poter viaggiare più tranquilli. Secondo me non è male. Smile
Torna in alto Andare in basso
TRuX
Consigliere Ducale
Consigliere Ducale
avatar

Numero di messaggi : 1697
Età : 27
Data d'iscrizione : 26.12.08

MessaggioTitolo: Re: Programma elettorale   Mar 22 Feb 2011 - 23:36

Punti da inserire secondo me.

La legge "anti-tradimento" che proposi due mesi fa. In pratica chi viene condannato per Tradimento perderà tutti i diritti politici a meno che il duca o 10/12 del Consiglio non decidano di reinserirlo a vita politca.

Mercato libero in tutti i Municipi. Va sempre più concretizzandosi, adesso manteniamo le promesse e agevoliamo chi è andato incontro al Ducato.

La CCM non lo so più. Artifex mi ha un po' fatto cambiare idea.

Duca PPM, se lo chiariamo in programma evitiamo domande fastidiose (ma sono incerto).

Polizia Ducale? Non abbiamo persone per l'esercito, è fattibile?

Per ora non mi viene in mente niente. Intanto discutiamo su questo.
Torna in alto Andare in basso
pusu92
Militante Supremo
Militante Supremo
avatar

Maschio Numero di messaggi : 5869
Età : 26
Data d'iscrizione : 09.05.10

MessaggioTitolo: Re: Programma elettorale   Mer 23 Feb 2011 - 0:35

TRuX ha scritto:
Mercato libero in tutti i Municipi. Va sempre più concretizzandosi, adesso manteniamo le promesse e agevoliamo chi è andato incontro al Ducato.
concordo!!!
TRuX ha scritto:
La CCM non lo so più. Artifex mi ha un po' fatto cambiare idea.
Uno dei probemi è vedere se con la CMM si hanno guadagni modesti oppure bassi.
TRuX ha scritto:
Duca PPM, se lo chiariamo in programma evitiamo domande fastidiose (ma sono incerto).
secondo me, prima bisogna vedere chi è in seconda e in terza posizione nella nostra lista(probabili 3 seggi) e poi valutare se c'è più di 1 candidato che abbia l'esperienza per fare il duca oppure se solo skioppo(in questo caso) ha l'esperienza per diventare duca.
A mio avviso questo non è un problema.

Io volevo aggiungere il fatto delle segretezza su quello che si fa e si dice in consiglio.
Dobbiamo tentare di abolirla tutta o anche in parte come, ad esempio, far decidere anche al consiglio se pubblicare le cose e non solo al duca.
Torna in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Programma elettorale   Mer 23 Feb 2011 - 18:03

E la modifica del Concordato, da inserire in veste prioritaria. Deve essere cambiato!
Torna in alto Andare in basso
GabryJay
Militante Supremo
Militante Supremo
avatar

Maschio Numero di messaggi : 1144
Età : 29
Località : RL: Binzago (MB) | RR: Parma
Militanza :
Data d'iscrizione : 10.08.09

MessaggioTitolo: Re: Programma elettorale   Mer 23 Feb 2011 - 18:37

Se si vuole modificare il concordato, si deve prima scrivere una bozza e proporla direttamente in campagna elettorale, IMHO.
Questo perche`, visto il recente fatto, potrebbero pensare che vogliamo stravolgere tutto: dare dimostrazione concreta delle nostre piu` pacifiche ambizioni sarebbe un buon colpo.
Torna in alto Andare in basso
http://www.lastfm.it/user/GabryJay
Stormhawk
Militante Supremo
Militante Supremo
avatar

Numero di messaggi : 1099
Età : 89
Data d'iscrizione : 01.07.09

MessaggioTitolo: Re: Programma elettorale   Gio 24 Feb 2011 - 14:37

pusu92 ha scritto:


Io volevo aggiungere il fatto delle segretezza su quello che si fa e si dice in consiglio.
Dobbiamo tentare di abolirla tutta o anche in parte come, ad esempio, far decidere anche al consiglio se pubblicare le cose e non solo al duca.

e incredibilmente... per una volta....

rullo di tamburi...

Pusu non ti sgrido ma ti quoto! Laughing Laughing
Torna in alto Andare in basso
Rivqah
Militante Veterano
Militante Veterano
avatar

Femmina Numero di messaggi : 797
Località : Piacenza
Militanza :
Data d'iscrizione : 10.03.09

MessaggioTitolo: Re: Programma elettorale   Gio 24 Feb 2011 - 16:27

Il Concordato non si può modificare, ancora non l'avete capito? L'unica possibilità è annullarlo e approvarne un altro.
Torna in alto Andare in basso
http://spinozit.forumattivo.com/
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Programma elettorale   Gio 24 Feb 2011 - 18:57

Vado con ordine:
-Punto sulla trasparenza: necessario.
-Punto sul Concordato: ha ragione Riv, ecco l' ultimo concordato (in grassetto le modifiche):


Citazione :
Concordato tra la Santa Chiesa Aristotelica ed il Ducato di Milano

Preambolo

Con la presente il Ducato di Milano ufficializza i suoi rapporti con la Chiesa Aristotelica Romana e Universale e riconosce l'Aristotelismo come pietra fondante dei suoi valori e della sua cultura.
Con la presente la Chiesa Aristotelica Romana e Universale riconosce il Ducato di Milano come Provincia di Confessione Aristotelica.

Questo Concordato non può essere modificato o annullato che in seguito ad un accordo tra le due parti, quali che siano i cambiamenti che avvengano in seno al Consiglio Ducale di Milano o della Chiesa.
Il presente Concordato potrà essere emendato solo con il consenso di entrambe le parti.
Tale Concordato annulla ogni precedente trattato tra il Ducato di Milano e la Santa Chiesa Aristotelica.

Precisazioni lessicali:
IG = In Gratibus = In Game
RP = Res Parendo = RolePlay (Forum etc)

I - Del ruolo della Chiesa nell'organizzazione spirituale del Ducato

I.1 - Il presente Concordato fa della Chiesa Aristotelica Universale e Romana la religione ufficiale del Ducato di Milano. Il Ducato riconosce la Chiesa Aristotelica Universale e Romana come sola, unica e legittima Istituzione dell'Onnipotente, oltre che sola detentrice della Vera Fede.
Il Ducato di Milano riconosce l'esistenza della Santa Sede e di tutte le sue istituzioni.

I.2 - Solo il culto Aristotelico potrà essere esercitato o diffuso mediante proselitismo in pubblico nelle taverne, nei municipi e negli altri edifici ed istituzioni del Ducato di Milano. Il Culto Aristotelico non è l' unico a beneficiare della possibilità di esercitare o diffondere idee o dogmi in pubblico o nelle taverne, bensì ogni culto o confessione di sorta ha questo diritto.

I.3 - La religione spinozista e i discepoli di Averroè interpretano erroneamente l'Aristotelismo, perciò hanno una visione errata di Dio. Nonostante questo, la Santa Chiesa Aristotelica, nella sua grande bontà, ed il Ducato di Milano, nel rispetto dei suoi sudditi, tollera questi soli due culti secondo le seguenti condizioni:, limitati solo nel numero di luoghi di culto (che non potranno mai superare i tre per Ducato), in un invito a limitare la loro azione di proselitismo e nel rispetto della Chiesa Aristotelica come istituzione. Gli adepti di queste religioni sono tuttavia liberi di intavolare qualsivoglia trattativa commerciale o richiedere qualsivoglia prestazione professionale a cittadini ed artigiani del Ducato di Milano.
• Le comunità di questi culti si possono installare nel territorio del Ducato solo con il permesso degli Arcivescovi di Milano e Ravenna, previo consulto del Duca di Milano.
• È consentito che i fedeli di tali religioni tollerate aprano uno ed un solo luogo di culto che sarà loro nel municipio di una città a propria scelta, eccetto la capitale del Ducato e sede Arcivescovile, ma dovranno essere autorizzati dalle autorità ecclesiastiche e temporali. Tale tolleranza non consente loro di diffondere la miscredenza mediante proselitismo al di fuori del loro luogo di culto.
• Per ricevere il permesso di pratica e predicazione del culto (In Gratibus, Res Parendo) dovrà comunque essere riconosciuta la Chiesa Aristotelica come istituzione ed esser consapevoli dell’esistenza di questo concordato.

I.4 - Il Ducato di Milano riconosce la piena autorità della Chiesa Aristotelica e Romana nel dominio spirituale e sui vescovi delle terre milanesi.

I.5 - Tutte le violazioni alle disposizioni di questo corpo di leggi parte I saranno considerate come un atto di eresia.


II - Del ruolo della Chiesa nell'organizzazione temporale del Ducato

II.1 - dell'Aristotelismo del Duca eletto

II.1.1
Il Credo Aristotelico, in quanto unica Vera Via alla salvezza, dev'essere la stella guida nella gestione del Ducato di Milano. Non esiste infatti benessere materiale se quello spirituale non è presente.
Il Duca di Milano, come massimo rappresentante del Ducato che governa, ne è il primo garante. Per questo motivo al Duca di Milano deve appartenere alla comunità dei fedeli (essere battezzato) oppure viene consigliato di ricevere un attestato ufficiale (se non battezzato), firmato dagli Arcivescovi di Milano e Ravenna e da lui medesimo, in cui egli riconosce l'autorità della Chiesa Aristotelica come religione ufficiale dello Stato e giura di combattere eresia e blasfemia.e gli Arcivescovi lo dichiarano idoneo a governare il Ducato.

II.1.2
Nel caso in cui le condizioni indicate dal precedente paragrafo vengano a mancare, il presente Concordato verrà immediatamente rimesso in discussione. Si dovrà indire al più presto una riunione a cui parteciperanno il Duca, l'Arcivescovo, e chiunque essi desiderino, per discutere del problema e trovare una soluzione.

I Consiglieri di Fede Aristotelica che hanno contribuito all'elezione di un Duca non soddisfacente le condizioni del precedente paragrafo devono essere consapevoli che la Chiesa può decidere di aprire un'istruttoria per giudicare le loro azioni, tuttavia il potere ecclesiale non potrà usare questo strumento istruttorio per minare la libertà d' azione dei Consiglieri Ducali.

II.1.3
I Consiglieri ducali non battezzati dovranno possedere un attestato arcivescovile di stima (nulla osta) altrimenti non potranno assumere alcun incarico in Consiglio, a meno che non vi sia penuria (permanente o temporanea) di Consiglieri ducali battezzati.



II.2 - della compatibilità tra uomini di Chiesa ed incarichi temporali

Come indicato dall'Enciclica "De Politeïa et Ecclesia", un membro del clero che voglia assumersi una missione di natura temporale ne ha facoltà. In questi casi è consigliabile chiedere sempre l'esplicito permesso dell’Arcivescovo.
Egli non potrà violare in tale missione i princìpi della Vera Fede della quale la Chiesa Aristotelica è unica depositaria, ossia compiere degli atti che vanno contro i dettami descritti dal dogma e dal diritto canonico.

Questo articolo si integra con le indicazioni date dal Primo Concilio della Santa Chiesa Aristotelica Italiana, che stabilisce che un parroco e un Vescovo non si devono candidare a sindaco, a meno di situazioni di eccezionale gravità stabilite dall’Arcivescovo, e un Arcivescovo non si deve candidare al Consiglio ducale.


II.3 - del rappresentante della Chiesa Aristotelica nel Consiglio ducale

II.3.1
In caso il Duca non sia un fedele aristotelico, egli si impegna a chiamare l'Arcivescovo di Milano a sedere in Consiglio ducale, per consigliarlo in merito a questioni religiose e morali.
Nel caso il Duca sia battezzato, l'Arcivescovo di Milano siederà nel Consiglio ducale se il Duca lo riterrà opportuno.

II.3.2
L'Arcivescovo si impegna a non far parte di altri Consigli all'infuori di quello del Ducato di Milano.
L'Arcivescovo può, se lo ritiene necessario, delegare un membro della Nunziatura Apostolica che ha risieduto per almeno quattro mesi all' interno è cittadino del Ducato in sua sostituzione. Tale delegato dovrà avere l'approvazione del Duca.


II.4 - dei diritti e doveri degli uomini di Chiesa in Consiglio ducale

Persone appartenenti alla gerarchia ecclesiale possono accedere alle sale del Consiglio ducale in due modi: come rappresentante ecclesiastico ufficiale, secondo le modalità descritte dall'articolo II.3 del presente Concordato, o come Consiglieri in liste di partito regolarmente eletti, secondo l’articolo II.2 del presente Concordato.

Esse sono nella situazione speciale di avere dei doveri verso due istituzioni distinte: la Santa Chiesa Aristotelica e il Ducato di Milano. Per evitare conflitti di interesse e di coscienza si definiscono qui di seguito i rispettivi diritti e doveri.

II.4.1
L'eventuale rappresentante ecclesiastico nel Consiglio ducale dovrà giurare secondo il testo riportato qui di seguito. Egli si impegna pertanto a non rivelare mai informazioni che possano compromettere la sicurezza del Ducato, pena l'accusa di Alto Tradimento.

Nel caso in cui apprenda in Consiglio informazioni di natura tale da mettere in pericolo la Chiesa stessa o la Santa Sede, dovrà indicare la natura del problema al Duca ed ai Consiglieri e cercare di trovare una soluzione in accordo con essi. Se i problemi persistono, è tenuto a informare la Curia ed il Cenacolum Episcoporum Italiae dopo averlo comunicato al Duca ed al Consiglio, ed eventualmente informare la popolazione milanese della presenza di atteggiamenti antiaristotelici in Consiglio ducale, spiegando la situazione nelle sue linee generali.

Se il Duca ritiene che il rappresentante aristotelico abbia abusato della sua posizione per diffondere dati sensibili, potrà chiedere l'apertura di un procedimento civile, presso il Tribunale ducale, ed ecclesiale, chiedendo una verifica del caso presso il Viceprimate Italico dello SRING.

Citazione:
Giuramento per il rappresentante ecclesiastico
Io, ..., come rappresentante ufficiale della Santa Chiesa Aristotelica nel Consiglio del Ducato di Milano, giuro che mi adopererò al massimo delle mie facoltà per il Bene del popolo di Milano, nel rispetto delle sue istituzioni e dei dettami di Santa Chiesa, seguendo le indicazioni contenute nel Concordato.


II.4.2
Un membro della Chiesa che, tramite regolari elezioni ducali, arrivi a sedere in Consiglio, deve giurare fedeltà al Duca e al Ducato e manterrà la segretezza sui temi discussi nelle sale del Consiglio secondo i termini stabiliti dalla legislazione ducale per i consiglieri eletti.

Nel caso in cui apprenda in Consiglio informazioni di natura tale da mettere in pericolo la Chiesa stessa o la Santa Sede, egli seguirà le indicazioni del rappresentante ecclesiastico, e non potrà comunicare in prima persona al di fuori del Consiglio.

Se non vi è alcun rappresentante ecclesiastico in Consiglio, egli potrà svolgerne le funzioni come indicato nel paragrafo precedente.
Nel caso vi siano più membri della Chiesa eletti, in questo particolare frangente è necessario che parlino con una voce sola in difesa della Chiesa, e pertanto occorre che si consultino tra loro prima di ogni intervento. In caso di contrasti potranno chiedere al Duca di parlarne con una figura imparziale e di comprovata autorità (si consiglia il confessore personale del Duca) per un parere di terzi. Questi non potrà parlare di tale discussione ad alcuno, come sotto il segreto della confessione.


II.5 - della presenza di ecclesiastici nei Consigli cittadini

È fortemente auspicabile che il Vescovo (o, se la città non è sede vescovile, il parroco) sieda nel Consiglio Comunale della sua città, se esiste, in modo da aiutare il sindaco a conformare la politica cittadina ai principi aristotelici. Costui può, se lo ritiene necessario, delegare un chierico che ha risieduto almeno per quattro mesi nella città in sua sostituzione.


II.6 – del confessore personale del Duca

Se il Duca è Aristotelico, dovrà nominare al principio del suo mandato un confessore personale tra il clero del Ducato, con cui confidarsi e chiedere consiglio quando lo ritiene opportuno.
Il confessore ducale non siederà in Consiglio Ducale, a meno che non lo voglia il Duca.


II.7 - delle perorazioni araldiche dei nobili milanesi

II.7.1
Al momento di proporre patenti di nobiltà, il Duca è tenuto a ricordare che la Fede non è un valore secondario. Per tale motivo è fortemente auspicabile che egli si informi della condotta morale dei candidati che intende proporre, presso i Vescovi delle Diocesi di residenza dei candidati (o, in loro mancanza, ai parroci).

Nel caso il Duca proponga un nome che ha avuto parere negativo, l'Arcivescovo di Milano o Ravenna ha la possibilità di informare il Collegio di Araldica della situazione.

II.7.2
I nobili del ducato di Milano sono consapevoli dell’importanza che ha l’Aristotelismo, religione ufficiale, agli occhi dell’Imperatore. Per questo motivo essi, prima di perorare ufficialmente una causa di nobilato presso il Collegio Araldico Imperiale Italofono, sono tenuti a chiedere il parere del Vescovo (o, in sua mancanza, del parroco) della diocesi in cui risiede il loro candidato.

Come nel caso del paragrafo precedente, tale parere non sarà vincolante ma l'Arcivescovo può informare il Collegio di Araldica della contrarietà del clero verso tale nome.

III - Del ruolo della Chiesa nella vita civile

III.1 - I matrimoni Aristotelici sono gli unici riconosciuti come validi a livello civile.
Conformemente al decreto Matrimonium Prohibiti, il "matrimonio civile", o tutte le altre forme d'unione di questo tipo con lo scopo di legare l'uomo alla donna e la donna a l'uomo, sono severamente vietate nelle terre del Ducato di Milano, sia per i fedeli Aristotelici che per i non fedeli.

III.2 - Un'unione more uxorio (convivenza senza matrimonio) è considerata peccaminosa e non benedetta dall'Altissimo. I figli che nasceranno da tale unione, come quelli che avverranno all'interno di matrimoni non Aristotelici di qualsivoglia tipo, sono considerati figli naturali non legittimi, ossia bastardi. Se un'unione more uxorio viene successivamente regolarizzata tramite il matrimonio, i figli verranno quindi riconosciuti come legittimi.

III.3 - Il Ducato riconosce che l'educazione della prole debba avvenire all'interno di un nucleo familiare timorato dell'Altissimo e della Santa Chiesa. Per questo motivo le coppie sposate hanno la priorità in caso di adozione. L'adozione da parte di persone non sposate è consentita, ma deve essere seguita la "Procedura di adozione per cittadini non sposati" presentata al termine di questa sezione come appendice.
In caso di annullamento di matrimonio l'adozione decade poichè il matrimonio risulta come mai celebrato. Se c'è il desiderio, da parte di un membro della coppia, di mantenere un figlio adottivo, la "Procedura di adozione per cittadini non sposati" dovrà essere applicata.
La Santa Chiesa Aristotelica è l'unica istituzione che possa rendere un'adozione valida a livello civile.

III.4 - La Chiesa fa propria la missione d'aiutare i più miserabili. I suoi rappresentanti cercheranno dunque di partecipare in maniera attiva alle azioni di carità coordinando, per quanto possibile, i loro sforzi con le autorità municipali e ducali.
Il Diritto Canonico regola i doveri dei parroci e di ogni altra carica ecclesiastica verso la comunità.

III.5 - Ogni ecclesiastico non deve rendere conto a nessuno dei suoi atti spirituali tranne che al suo vescovo. A nessun chierico può essere chiesto di rivelare ciò di cui è venuto a conoscenza a seguito del Sacramento della Confessione.

III.6 - I vescovi avranno completa autonomia e autorità nella nomina del clero della loro diocesi, sacerdoti o laici, e nell'autorizzarli ad amministrare i sacramenti. Qualsiasi tentativo di occupazione di un incarico religioso al di fuori delle procedure canoniche verrà punito dalla giustizia ecclesiastica.

III.7 - La Chiesa riconosce l'importanza della diffusione della conoscenza, e ritiene che solo persone dalla irreprensibile condotta morale possano trasmettere nei luoghi del sapere le competenze ad essa riconducibili, Per questo essa ha il diritto di veto sulla scelta dei professori ottenenti una cattedra all'università milanese per tutti i corsi relativi alla via della Chiesa. tuttavia riconosce alla Università del Ducato di Milano indipendenza nella scelta dei professori, nonostante si preghi il rettore di tenere in conto nelle sue scelte un giudizio negativo delle autorità ecclesiastiche in merito ad un insegnante.

III.8 - Almeno un rappresentante dell’alto clero milanese dovrà assistere alle manifestazioni organizzate dal Duca e dal suo Consiglio per le quali ha ricevuto preventivo invito. L'assenza di un rappresentante può essere tollerata, qualora il Duca ne sia stato informato per tempo.
Parimenti, il Duca e i suoi Consiglieri, se battezzati, dovranno assistere alle manifestazioni e celebrazioni religiose per le quali hanno ricevuto preventivo invito. L'assenza di un rappresentante può essere tollerata, qualora l’Arcivescovo o il Vicario Generale ne sia stato informato per tempo.

III.9 – Gli Arcivescovi di Milano e Ravenna si impegnano ad assegnare un membro del Clero milanese, se richiesto, ad ogni Compagnia Militare Milanese riconosciuta dal Ducato di Milano in qualità di Cappellano Militare, affinché possa portare conforto spirituale ai soldati.

III.10 - In caso di conflitti (scontri dell'esercito con briganti o guerre ufficialmente dichiarate) la Chiesa Aristotelica Romana garantisce che i membri del clero daranno supporto allo Stato nella maniera che gli stessi ed i loro Arcivescovi riterranno più opportuna, dalla cura delle anime sul campo di battaglia alla partecipazione diretta agli scontri, in accordo alle disposizioni concordate col Duca stesso o, in sua vece, con il Capitano delle armate ducali.

Citazione:
Appendice: procedura di adozione per cittadini non sposati

I
Nel caso un cittadino di Milano non regolarmente sposato, mosso da misericordia e pietà verso un'infante ancora in fasce, decidesse di prenderlo seco ed ammetterlo al proprio casato o famiglia, può farlo ma deve descrivere [in RP] nella Taverna del Ducato di Milano o in Piazza Italica, che contenga i seguenti passi:

• l'incontro con il figlio che intende adottare, in che occasione, condizioni, luogo, ecc.;
• compiere l'azione di prendere il pargolo e portarlo ad un monastero o ad una chiesa, affinchè i monaci oppure il parroco ne possano aver cura (al massimo specificare il nome del curato a cui si intende affidarlo);
• trascorso un periodo indicativo di 15/20 giorni dalla consegna del piccolo all'autorità ecclesiastica, se si è ancora intenzionati ad adottare, si dovrà fare richiesta [sempre nel RP] al parroco o al monaco che ha in custodia il piccolo, che a sua discrezione potrà richiedere da voi una prova della vostra buona fede (una donazione alla chiesa oppure ad un municipio, un pellegringgio verso una destinazione designata, non più distante di 3 giorni di marcia, ecc.). Il richiedente dovrà provvedere a fornire una prova dell'avvenuta missione all'autorità ecclesiastica che ha la custodia del pargolo.

II
Nel caso il richiedente sia non battezzato o apostata, una volta che avrà consegnato il pargolo al monastero/parrocchia, prima di presentare la richiesta definitiva di adozione egli dovrà procedere a seguire un corso sulla pastorale aristotelica presso un luogo che gli verrà indicato e dopo riceverà il battesimo.

III
L'adozione è proibita a persone dichiarate eretiche dalla Santa Chiesa.

IV
Nel caso il richiedente, entro il periodo di custodia del pargolo presso l'autorità ecclesiastica, convoli a giuste nozze, potrà non attendere il termine prestabilito per la richiesta di adozione e ricevere la patria podestà sul pargolo, sempre previa attestazione del certificato di matrimonio e dopo verifica da parte del curato.



IV - Della giustizia della Chiesa

IV.1 - La Santissima Inquisizione ed il Tribunale Inquisitoriale di Milano sono istituiti sul territorio del Ducato. I poteri e le prerogative della Santissima Inquisizione e del Tribunale sono quelli definiti nel Diritto Canonico della Santa Chiesa Aristotelica e Romana.

IV.2 - Il Tribunale Inquisitoriale è competente nei casi di: eresia, scisma, apostasia, insulto, blasfemia o diffamazione verso la Chiesa, le sue istituzioni, i suoi membri o i suoi insegnamenti; di prevaricazione o di violazione di giuramento fatto sulle Sante Scritture o sulle reliquie dei Santi Aristotelici.

IV.3 - Il tribunale religioso farà applicare le differenti punizioni decise e previste dal Diritto Canonico attraverso la Vidamia di Milano.
Nel caso il tribunale ecclesiastico non sia in grado di fare applicare la sentenza, oppure questa preveda delle pene IG, il Duca e i suoi Consiglieri si impegnano a prestare ausilio alla procura ecclesiastica aprendo un processo con capo di accusa di "Disturbo all'Ordine pubblico", se richiesto dalla Chiesa.

IV.4 - I condannati potranno fare appello sulle sentenze del tribunale inquisitoriale al Tribunale della Rota Apostolica e della Cassazione, a Roma. Si specifica che la CAI non ha alcuna voce per quanto riguarda procedimenti giudiziari religiosi.

IV.5 - Qualora la sentenza sia contestata dall'autorità civile, verrà istituita una commissione composta dall’Arcivescovo di residenza dell'imputato, dal Duca, da un funzionario della Santissima Inquisizione e dal giudice del Ducato. Questa commissione esaminerà nuovamente il caso, ed il suo verdetto, scaturito dall’unanimità dei membri, sarà insindacabile.


V - Dei privilegi del clero

V.1 – Gli Arcivescovi di Milano e Ravenna potranno disporre di un corpo armato speciale, detto Guardia Episcopale, che non agirà mai contro gli interessi del Ducato stesso. La Guardia Episcopale è regolata dalle norme del Diritto Canonico.

V.2 - I chierici aristotelici potranno richiedere al Ducato una scorta, qualora la loro missione di emissari di Dio renda necessario uno spostamento all'interno del Ducato.

V.3 – Il Ducato di Milano potrà aiutare i fedeli che vogliono diventare teologi [passare al livello 3 Via della Chiesa], con lo scopo successivo di assumere un ruolo ufficiale all'interno della Santa Chiesa, mediante un prestito oppure un dono (non oltre i 1000 dct) su richiesta dell'Arcivescovo di Milano o di quello di Ravenna, se fatta per parrocchie ricadenti sotto l’autorità del Ducato di Milano.
Questo prestito/dono sarà concesso esclusivamente nel caso il futuro teologo rimarrà nel Ducato di Milano dopo l'ordinazione per uno spazio temporale minimo di quattro mesi.

V.4 - I membri della Nunziatura Apostolica sono riconosciuti come Ambasciatori della Santa Sede.

V.5 – I membri del Clero Aristotelico e i funzionari della Nunziatura Apostolica non saranno processabili dal Tribunale temporale per reati commessi riguardanti la propria missione. Sarà competente in questo caso solo il Tribunale Ecclesiastico dell’Arcidiocesi.
V.5.1 – Nel caso in cui il reato nulla abbia a che fare con lo svolgimento del proprio ministero, dunque nei casi di speculazione, schiavismo, brigantaggio, assalto ai municipi o assalto al castello della capitale, i membri dell'alto clero ed i funzionari della Nunziatura Apostolica saranno giudicati da un Tribunale composto dal giudice del Ducato e da un funzionario della Santissima Inquisizione; il verdetto di tale Tribunale, scaturito dall’unanimità dei membri, sarà insindacabile.
Per i membri del basso clero la giustizia civile seguirà il suo corso consueto. È comunque consigliabile, particolarmente in caso di dubbio sulle motivazioni dell'atto, che venga sentita l'opinione dei superiori dell'ecclesiastico incriminato per un consulto.
Torna in alto Andare in basso
pusu92
Militante Supremo
Militante Supremo
avatar

Maschio Numero di messaggi : 5869
Età : 26
Data d'iscrizione : 09.05.10

MessaggioTitolo: Re: Programma elettorale   Gio 24 Feb 2011 - 19:23

Stormhawk ha scritto:
pusu92 ha scritto:


Io volevo aggiungere il fatto delle segretezza su quello che si fa e si dice in consiglio.
Dobbiamo tentare di abolirla tutta o anche in parte come, ad esempio, far decidere anche al consiglio se pubblicare le cose e non solo al duca.

e incredibilmente... per una volta....

rullo di tamburi...

Pusu non ti sgrido ma ti quoto! Laughing Laughing
Shocked Shocked Shocked speriamo non sia l'ultima volta Laughing Laughing

Concordo nel proporre un concordato modificato rispetto a quello attuale.
Torna in alto Andare in basso
TRuX
Consigliere Ducale
Consigliere Ducale
avatar

Numero di messaggi : 1697
Età : 27
Data d'iscrizione : 26.12.08

MessaggioTitolo: Re: Programma elettorale   Gio 24 Feb 2011 - 22:32

Perfetto, prendiamo il Duca, annulliamo il Concordato e proponiamo questo XDXD Comunque Skioppo già lo disse nella sua candidatura a Duca se non mi sbagliò, quindi non potranno dire che lo abbiamo inventato solo per il caso Riv.

Segretezza. Non va abolita perchè sarebbe un errore, non facciamoci trascinare dagli eventi. Perchè non proponiamo quella famosa stanza che dissi due mesi fa? In cui ogni cittadino può fare richeista di accedervi per tot giorni ogni tot giorni facendo un piccolo giuramento ecc.? Machinosa? Beh se c'è un responsabile (mettimao uno di noi) che è pronto a dare/togliere gli accessi si può fare benissimo (guardaqte il Congresso ad esempio). E se uno fa uscire qualcosa scatta la denuncia per tradimento.
Torna in alto Andare in basso
pusu92
Militante Supremo
Militante Supremo
avatar

Maschio Numero di messaggi : 5869
Età : 26
Data d'iscrizione : 09.05.10

MessaggioTitolo: Re: Programma elettorale   Gio 24 Feb 2011 - 22:42

va abolita...e si potrebbe mettere, al massimo(ma non mi piace come aggiunta), che alcuni dati molto ma molto segreti non siamo pubblicati.
Torna in alto Andare in basso
TRuX
Consigliere Ducale
Consigliere Ducale
avatar

Numero di messaggi : 1697
Età : 27
Data d'iscrizione : 26.12.08

MessaggioTitolo: Re: Programma elettorale   Gio 24 Feb 2011 - 23:15

Cazzata. Non è giusto che il forestiero sappia dell'andamento delle miniere e di quanto guadagna il Ducato ad esempio. E' giusto che lo sappia il cittadino tuttavia.
Torna in alto Andare in basso
Mariusdellapaglia
Militante Supremo
Militante Supremo
avatar

Maschio Numero di messaggi : 1259
Età : 106
Località : RR Alessandria - RL Alessandria
Data d'iscrizione : 17.07.08

MessaggioTitolo: Re: Programma elettorale   Ven 25 Feb 2011 - 8:52

Daccordissimo con l'abolizione della legge sulla segretezza, e sarei anche per l'abolizione del concordato, tutti i cittadini sono uguali e non ci devono essere discriminazioni solo perchè uno non è aristotelico.

Poi sarei anche per l'eliminazione dei consiglieri esterni, non sono stati eletti con che diritto siedono in consiglio? A cominciare dal rappresentante della chiesa aristotelica (che mi stava già sulle p...e quando ero in consiglio e che giudico un imbecille)

TRuX ha scritto:


Polizia Ducale? Non abbiamo persone per l'esercito, è fattibile?


Abbiamo un esercito? Strano non lo sapevo, mi sembra che abbiamo un contratto con alcune milizie private le CMM. Se fossero l'esercito di Milano i consiglieri, che rappresentano i cittadini, avrebbero il controllo su di loro. Una Polizia Ducale sarebbe alle dipendenze del Ducato e potrebbe essere controllata dal consiglio e quindi dai cittadini.
Torna in alto Andare in basso
Skioppo
Admin
avatar

Maschio Numero di messaggi : 2623
Età : 42
Località : RR: Parma - RL: Agropoli (Sa)
Militanza :
Data d'iscrizione : 28.07.08

MessaggioTitolo: Re: Programma elettorale   Ven 25 Feb 2011 - 12:36

Thomaskeion ha scritto:
Vado con ordine:
-Punto sulla trasparenza: necessario.
-Punto sul Concordato: ha ragione Riv, ecco l' ultimo concordato (in grassetto le modifiche):
Thomas, mi dici dove hai recuperato il testo del Concordato? Non riesco a trovarlo da nessuna parte Mad

_________________
Torna in alto Andare in basso
Stormhawk
Militante Supremo
Militante Supremo
avatar

Numero di messaggi : 1099
Età : 89
Data d'iscrizione : 01.07.09

MessaggioTitolo: Re: Programma elettorale   Ven 25 Feb 2011 - 13:53

Al castello sforzesco dovrebbe esservene depositata una copia
Torna in alto Andare in basso
pusu92
Militante Supremo
Militante Supremo
avatar

Maschio Numero di messaggi : 5869
Età : 26
Data d'iscrizione : 09.05.10

MessaggioTitolo: Re: Programma elettorale   Ven 25 Feb 2011 - 17:25

Questa idea(forse penserete stupida) la stavo meditando da mesi ma ho sempre rimandato per vari motivi.
Ora leggendo le discussioni di riv con egal la porto a galla e ve la dico.
Non so se è possibile farlo oppure è stato tentato di farlo con esito negativo.

Sarò chiaro e succinto.
Perchè non creare una legge o trattato o qualsiasi altra cosa che affermi:
non si fa distinzione di religione per ricoprire cariche pubbliche ducali(e non);e affermi anche che l'aristotelismo non si deve intromettere negli affari politici del ducato, se non chiamato in causa, ma che pensi solo al "potere spirituale"



una parentesi anche sulla SEGRETEZZA.
a che serve tenere la legge sulla segretezza se poi, a volte, le cosi le veniamo a sapere da chi è fuori ducato e non dai rappresentanti del ducato??

Con questo voglio dire che le cose "segrete" a volte le sanno prima i forestieri che noi cittadini di milano.
Quindi tanto vale allora abolirla e informare direttamente i cittadini milanesi prima che lo vengono a saperlo dagli stranieri.
Torna in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Programma elettorale   Ven 25 Feb 2011 - 18:25

@ Skioppo: pagina sesta dei documenti diplomatici in Taverna Ducale...quella che ho usato è l' ultima versione.

Riguardo al Concordato... ricordatevi che siamo nel 1450...l' aristotelismo è l' Unica Religione e Chiesa e Stato sono profondamente collusi... un po' di attendibilità, va bene fare gli anticlericali, ma neanche troppo!
Torna in alto Andare in basso
TRuX
Consigliere Ducale
Consigliere Ducale
avatar

Numero di messaggi : 1697
Età : 27
Data d'iscrizione : 26.12.08

MessaggioTitolo: Re: Programma elettorale   Sab 26 Feb 2011 - 2:40

Pusu. Che senso ha la legge contro i briganti se poi rubano lo stesso e alcune volte passano impuniti?

Nel 1450 (ma anche oggi) l'intera economia girava grazie e in base agli ebrei. Ora, questo è un gioco la storia è diversa? Non tiriafo fuori il 1450 perchè per il gioco l'Aristotelismo non è niente. Vogliamo ambientarlo credibile? Difficilmente un Vescovo si sarebbe permesso di condannare un bando lavorativo di un ebreo.
Torna in alto Andare in basso
Stormhawk
Militante Supremo
Militante Supremo
avatar

Numero di messaggi : 1099
Età : 89
Data d'iscrizione : 01.07.09

MessaggioTitolo: Re: Programma elettorale   Sab 26 Feb 2011 - 8:12

TRuX ha scritto:
Pusu. Che senso ha la legge contro i briganti se poi rubano lo stesso e alcune volte passano impuniti?

Nel 1450 (ma anche oggi) l'intera economia girava grazie e in base agli ebrei. Ora, questo è un gioco la storia è diversa? Non tiriafo fuori il 1450 perchè per il gioco l'Aristotelismo non è niente. Vogliamo ambientarlo credibile? Difficilmente un Vescovo si sarebbe permesso di condannare un bando lavorativo di un ebreo.

Ecco... mi sono persa un pezzo... chi ha condannato cosa?
Torna in alto Andare in basso
pusu92
Militante Supremo
Militante Supremo
avatar

Maschio Numero di messaggi : 5869
Età : 26
Data d'iscrizione : 09.05.10

MessaggioTitolo: Re: Programma elettorale   Sab 26 Feb 2011 - 9:55

questo è il mio pensiero e te lo dico papale papale.

Il fatto che un consigliere ducale debba essere per forza battezzato per poter avere un ruolo attivo non mi piace e la considero un str.....a. È sempre vero che per i non battezzati o di altre religioni si concedono dei "certificati".
Però io penso:
all'aristotelismo i c.... dell'aristotelismo e al consiglio ducale i c.... del ducato.

ora mi chiedo..è mai successo che il duca o il consiglio ducale sia mai interferito nei fatti della chiesa?
Torna in alto Andare in basso
Stormhawk
Militante Supremo
Militante Supremo
avatar

Numero di messaggi : 1099
Età : 89
Data d'iscrizione : 01.07.09

MessaggioTitolo: Re: Programma elettorale   Sab 26 Feb 2011 - 10:58

pusu92 ha scritto:
ora mi chiedo..è mai successo che il duca o il consiglio ducale sia mai interferito nei fatti della chiesa?

non possono in alcun modo
Torna in alto Andare in basso
Skioppo
Admin
avatar

Maschio Numero di messaggi : 2623
Età : 42
Località : RR: Parma - RL: Agropoli (Sa)
Militanza :
Data d'iscrizione : 28.07.08

MessaggioTitolo: Re: Programma elettorale   Sab 26 Feb 2011 - 11:29

Egal ha sporto denuncia contro Rivqah e il Duca mi ha ordinato di postare la denuncia personalmente...

Sto cercando di renderla quanto più neutra possibile utilizzando solo i dati che mi ha passato il Duca

_________________
Torna in alto Andare in basso
pusu92
Militante Supremo
Militante Supremo
avatar

Maschio Numero di messaggi : 5869
Età : 26
Data d'iscrizione : 09.05.10

MessaggioTitolo: Re: Programma elettorale   Sab 26 Feb 2011 - 13:06

Stormhawk ha scritto:
pusu92 ha scritto:
ora mi chiedo..è mai successo che il duca o il consiglio ducale sia mai interferito nei fatti della chiesa?

non possono in alcun modo
O.O e che facciamo...io posso intervenire nei cavoli tuoi mentre tu nei miei non puoi.

Se il duca e il consiglio ducale non posso intervenire negli affari dell'aristotelismo, allora perchè viceversa si può fare?

O entrambe(politica e chiesa) "interferiscono" l'una negli affari dell'altra oppure pensano solo al proprio "potere" e se ne frega dell'altro.



Skioppo ha scritto:
Egal ha sporto denuncia contro Rivqah e il Duca mi ha ordinato di postare la denuncia personalmente...

Sto cercando di renderla quanto più neutra possibile utilizzando solo i dati che mi ha passato il Duca
Qui gatta ci cova!!!
Quale modo migliore per far perdere voti al PPM se non far denunciare Rivqah dal suo stesso compagno di partito!!!
Il duca ha raggiunto il fondo più profondo possibile e non ne risalirà più.


egal ha scritto:
Il Concordato e' chiaro, e cosi' le mie risposte in Camera Comune: ogni tentativo pubblico di favorire una religione che non sia l'Aristotelismo (anche solo nel renderle consono architettonicamente il luogo di studio), fatto peraltro senza il beneplacito della Santa Chiesa Aristotelica, e' ritenuto inammissibile moralmente dalla Chiesa stessa. Questo proprio perche' l'Impero e' fortemente connotato come aristotelico. E le cose non sono destinate a cambiare e vanno al di sopra delle singole decisioni ducali, che siano di Milano o di altri territori sotto l'egida dell'Imperatore.
E questo fa capire che l'aristotelismo comanda e che deve essere per sempre l'unica religione consentita.
Torna in alto Andare in basso
TRuX
Consigliere Ducale
Consigliere Ducale
avatar

Numero di messaggi : 1697
Età : 27
Data d'iscrizione : 26.12.08

MessaggioTitolo: Re: Programma elettorale   Sab 26 Feb 2011 - 14:55

@ Storm. Guarda mi vergogno solo a spiegartelo. Rivqah ha aperto un bando di imbianchini (gdr off: grafici) per decorare non so che di spinozista e Egal dice che è proselitismo -.-

@ Skioppo. Tu sei il Prefetto, mica il Pubblico Ministero. Perchè devi aprirlo tu? Non fare il mio errore.
Torna in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Programma elettorale   

Torna in alto Andare in basso
 
Programma elettorale
Torna in alto 
Pagina 1 di 5Vai alla pagina : 1, 2, 3, 4, 5  Seguente
 Argomenti simili
-
» non è un film ma il programma di fazio e saviano è per me stupendo....
» Prima FIVET in programma..
» AIUTOOO...programma per sbobinare registratore Voice Recorder
» DELUCIDAZIONI SU PROGRAMMA DIFFERENZIATO
» sto cambiando

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Partito Popolare Milanese :: Elezioni Ducali Marzo 1459-
Vai verso: