Partito Popolare Milanese

Il primo VERO partito di tutti
 
IndiceIndice  Homepage PPMHomepage PPM  GalleriaGalleria  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  
E' ora attivo il nuovo ufficio sul forum2. Ti aspettiamo!
Ultimi argomenti
» Buonasera!
Sab 14 Mag 2016 - 18:34 Da Skioppo

» Un saluto
Ven 5 Feb 2016 - 15:21 Da pusu92

» statuto del partito popolare milanese
Mar 8 Dic 2015 - 9:23 Da Fiammola

» Eccomi
Mar 1 Dic 2015 - 17:44 Da pusu92

» buondì ^^
Gio 26 Nov 2015 - 12:43 Da Samuele82

» Alcune domande al PPM
Gio 28 Feb 2013 - 20:55 Da pusu92

» [SEZIONE]come partecipare senza essere iscritto
Lun 18 Feb 2013 - 17:01 Da pusu92

» MA CHE COS'HA IL PPM IN PIU' DEGLI ALTRI?
Dom 13 Gen 2013 - 11:25 Da Ospite

» MERCATO PAVIA
Mar 27 Nov 2012 - 19:48 Da Ospite

Chi è in linea
In totale c'è 1 utente in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 1 Ospite

Nessuno

Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 26 il Mar 7 Apr 2015 - 22:28

Condividere | 
 

 Attuazione programma in consiglio

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
pusu92
Militante Supremo
Militante Supremo
avatar

Maschile Numero di messaggi : 5869
Età : 25
Data d'iscrizione : 09.05.10

MessaggioTitolo: Attuazione programma in consiglio   Mar 27 Set 2011 - 23:50

Consiglieri, come procede l'attuazione delle nostre proposte in consiglio?
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Attuazione programma in consiglio   Ven 30 Set 2011 - 18:56

Proposta sulla regolamentazione dei tempi di lavoro: proposta da me ed attuata!!!
Tornare in alto Andare in basso
pusu92
Militante Supremo
Militante Supremo
avatar

Maschile Numero di messaggi : 5869
Età : 25
Data d'iscrizione : 09.05.10

MessaggioTitolo: Re: Attuazione programma in consiglio   Ven 7 Ott 2011 - 0:34

prima di partire ho notato che si era conclusa la discussione sull'iter.

Avete proposto qualche altro punto del programma?
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Attuazione programma in consiglio   Ven 7 Ott 2011 - 19:38

Sì, il senato diplomatico.
Tornare in alto Andare in basso
pusu92
Militante Supremo
Militante Supremo
avatar

Maschile Numero di messaggi : 5869
Età : 25
Data d'iscrizione : 09.05.10

MessaggioTitolo: Re: Attuazione programma in consiglio   Ven 7 Ott 2011 - 19:49

ottimissimoooooo toh, su questo devi farmi un favorone, fallo approvare perchè è da 1 mese che la bosnia ci ha passato un loro trattato e ancora non sono riuscito a contattarli per firmarlo o proporre il nostro, solo perchè devo attendere il parere del consiglio-.-
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Attuazione programma in consiglio   Sab 8 Ott 2011 - 15:09

Ok... cercherò.
Tornare in alto Andare in basso
pusu92
Militante Supremo
Militante Supremo
avatar

Maschile Numero di messaggi : 5869
Età : 25
Data d'iscrizione : 09.05.10

MessaggioTitolo: Re: Attuazione programma in consiglio   Mer 9 Nov 2011 - 20:05

faccio un riassunto sull'attuazione dei nostri punti, del programma scorso.

Citazione :


ECONOMIA
Miniere, Istituto della Tredicesima:Come voi tutti saprete, le miniere sono la prima fonte di guadagno del Ducato, tuttavia sono spesso disertate dai milanesi perchè considerate lavori alienanti, pericolosi e anche infruttuosi. Spesso sono state organizzate iniziative per incentivare la popolazione al lavoro in miniera, ma dopo un periodo di attenzione in cui sono risultati utili, sono stati dimenticati.
Ebbene, noi vorremmo proporre qualcosa di diverso dal solito concorso, ovviando ad uno dei motivi che trattiene dall'andare in miniera: la sconvenienza economica.
Nostro proposito è premiare i minatori più affezionati con mezzo stipendio in più ogni sette giornate di lavoro nell'arco di due settimane, ovvero oltre allo stipendio di 16 ducati al giorno, il lavoratore che ne fornisse prova all'ufficio preposto all'uopo otterrebbe altri 8 ducati il primo giorno della terza settimana.
Il pagamento avverrebbe tramite la collaborazione dei municipi, che passerebbero ai minatori aventi diritto gli 8.00 ducati, che possono essere solamente riscossi in merce. Ovviamente il ducato ripagherebbe i municipi.


Commercio, Creazione dei Convogli Milanesi: L'altro nodo economico fondamentale sta nei commerci, per alleggerire i mercati del sovrappiù di beni che li affliggono. E' nostra intenzione costruire un sistema di commercio ad egida ducale basato su un sistema di diligenze protette che si dirigeranno verso i margini del mondo conosciuto per vendere le nostre prelibatezze e i nostri capolavori d'artigianato.
I Convogli, nelle nostre intenzioni, sarebbero tre, con queste destinazioni:
1) Verso Genova e la Provenza o verso la Savoia e la Svizzera.
2) Verso Firenze, Siena e gli Abruzzi.
3) Verso Venezia, i regni austriaci e lo Sring.
Questi Convogli sarebbero composti da soldati e da un mercante per città del Ducato, al fine di vendere i prodotti tipici di ogni perla di Milano (ad esempio il mercante pavese venderebbe il pesce), ma anche ogni bene commerciabile.
I viaggi risulterebbero lunghi anche mesi, però il risultato sarebbe il sollievo dei mercati e introiti nelle casse ducali e municipali, oltre ad un vantaggio in contatti diplomatici con i paesi attraversati.

DIPLOMAZIA
Corpo Diplomatico, Ricerca di Nuovi Ambasciatori: Per supportare l'azione dei Convogli Commerciali, vorremmo intensificare i contatti con i paesi italici e dello Sring, allargando la rete di intesa economica a tutti i paesi più vicini. Per fare ciò vorremmo incentivare l' arruolamento di nuovi ambasciatori.

Funzionamento della Cancelleria, Istituzione del Senato Diplomatico:
Su modello del Senato Accademico dell'Università di Milano, vorremmo istituire anche un Senato Diplomatico per la Cancelleria ducale. E' nostra intenzione infatti fare in modo che la Cancelleria acquisti indipendenza e rapidità nel rispondere alle esigenze diplomatiche che ci legano al mondo intero, riservandosi le capacità di valutare i contatti stranieri grazie alla grande esperienza dei suoi funzionari.
Ovviamente, non bisognerà svincolare del tutto la Cancelleria dal Consiglio Ducale eletto dal popolo, pertanto vorremmo strutturare l'Istituto del Senato Diplomatico così: mentre il Duca e il Consiglio Ducale continueranno ad occuparsi della parte riguardante gli Stati Italici e il Sacro Romano Impero Germanico, ovvero i nostri vicini, valutando con attenzione le proposte che verranno rivolte loro tramite i nostri diplomatici, il Senato Diplomatico delibererebbe sulle questioni portate alla sua attenzione dagli ambasciatori che curano i contatti con il resto del mondo, garantendo velocità e competenza e alleggerendo il Consiglio in fatto di consultazioni e discussioni. Il Senato Diplomatico delibererebbe inoltre sulle questioni organizzative interne, sulle assegnazioni degli ambasciatori e su tutto ciò che concerne la gestione effettiva della Cancelleria.
Il Senato Diplomatico sarebbe strutturato così:
-Gran Ciambellano, presiede l'organo, è nominato dal Duca.
-I sei Consoli.
-Due ambasciatori eletti da tutto il corpo diplomatico in elezioni bimestrali, con la stessa scadenza del Gran Ciambellano.
Per un totale di nove membri più -per le questioni meramente diplomatiche- l' intervento dell'ambasciatore che ha curato direttamente i contatti con la controparte, che svolge il ruolo di relatore e partecipa alla votazione come parte ben conoscitrice dei fatti.
Un esempio:
L'ambasciatore del Westmorland propone all'ambasciatore milanese un trattato di amicizia. Quest'ultimo lo rende noto al Ciambellano e prepara una relazione per il Senato Diplomatico.
In assemblea quindi si ritrovano il Ciambellano, i sei consoli, i due ambasciatori eletti e il diplomatico che ha curato i contatti con il Westmorland. Totale votanti: dieci. In caso di parità il voto del Ciambellano vale doppio.

Il Senato Diplomatico, inoltre, non sarebbe mai svincolato del tutto dal Consiglio Ducale, infatti il Gran Ciambellano sarebbe tenuto -nelle nostre intenzioni- a riportare settimanalmente l'operato del Senato Diplomatico al Duca o alla Duchessa, indicando i trattati in esame e, sulla base di queste relazioni, verrebbe o meno confermato nell'incarico di fiducia.
Inoltre il Duca avrà accesso in tutto il Castello Sforzesco e potrà opporre la sua volontà ad ogni trattato.



Genova, Ubbidiamo all'Imperatore: Nostro scopo sarà fare in modo che la questione genovese si possa risolvere per via diplomatica anche se gli ultimi avvenimento di scontri tra eserciti dice tutt'altro, con l' obiettivo di ristabilire la pace nella regione come indicato dall' Imperatore Raboude De Ligne.

RELIGIONE
Chiesa, Lo Stato sopra tutto: Riproponiamo la modifica del Concordato in modo da garantire la sovranità assoluta del Popolo. Attualmente è limitata da una norma del Concordato che ammanetta il lavoro di consiglieri non aristotelici, considerandoli inferiori ai consiglieri aristotelici, infingardi e possibili traditori. La Chiesa, dunque, ha posto una seria ipoteca sulla effettiva indipendenza del Consiglio Ducale. Per questo vogliamo ristabilire una supremazia dello Stato attraverso queste modifiche riguardanti gli attestati di fede del Consigliere e vorremmo rinegoziare la presenza della Chiesa in Consiglio Ducale.

ARALDICA
Tavolo di Trattative, Continuare è d'obbligo: Continuare e incentivare la partecipazione al tavolo di trattative aperto sotto il mandato di Skioppo e provare con l'aiuto del nuovo imperatore a renderla migliore in ogni aspetto.

Carta della Nobiltà, i Diritti e i Doveri dei Nobili:Il Partito inoltre spingerà perchè sia approvata una Carta della Nobiltà, con precisi diritti e doveri dei Nati con la "n" maiuscola, tipo:
*Dovere a prestare servizio militare se necessario per la Patria.
*Dovere a essere presenti e attivi per il Bene del Ducato.
*Diritto a una giustizia clemente contro un plebeo, poi si procede per gradi.
*In caso di reato di Tradimento ci sarà la condanna a morte.
*Diritto che la propria parola, come testimone, conti di più di quella di un normale plebeo.
*Diritto a richiedere una sfida in lizza tra il proprio rappresentante e un plebeo che non ha trattato il nobile con deferenza in Piazza.
*Dovere ad essere legittimamente umiliato qualora il plebeo vincesse la sfida.


AMMINISTRAZIONE PUBBLICA
Riforme, Tempi di discussione:
Ogni Consigliere ha diritto di proporre riforme al Consiglio Ducale. Per evitare confusione e soffermarci su discussioni vacue e insipienti è bene far rispettare rigidamente - e se necessario modificare per affrettare i tempi - l'attuale iter sulle proposte in consiglio.
Il nostro intento, prendendo come base l'iter emanato dall'allora Duchessa Mariaiolanda, sarà quello secondo il quale prima di aprire una discussione per una proposta di riforma, il Consigliere dovrà ottenere obbligatoriamente il permesso del Duca in persona nell'apposito topic delle richieste(in modo che questi decida la priorità tra le varie proposte).
Una volta ottenuta l' autorizzazione e dopo che il richiedente aprirà la discussione, si avranno massimo sette giorni -con flessibilità a seconda delle proposte, che potrà essere allungata a discrezione del Duca-per discuterne se ce ne sarà bisogno oppure si passerà direttamente alla fase della votazione avviata dal Duca e che durerà 36 ore.
Chi non vota, verrà riconosciuto come consigliere astenuto.
In questo modo potranno essere condotti a termine molti progetti di riforma a mandato. Inoltre, se una proposta viene promossa da una maggioranza favorevole, diventa esecutiva; se viene bocciata, non potrà essere riproposta se non a discrezione del Duca.


Per Milano, Con Milano.

Concluso a Pavia il giorno 8 settembre 1449
Per il Partito Popolare Milanese,
Il Portavoce Messer Thomaskeion

In verde i punti che siamo riusciti ad approvare e/o che sono al vaglio in consiglio^^.

Mentre per i seguenti punti:
-Corpo Diplomatico, Ricerca di Nuovi Ambasciatori
-Tavolo di Trattative, Continuare è d'obbligo

Si potrebbero dire realizzati, ma non li ho segnato come approvati perchè sono stti vagliati nei consigli precedenti e noi li riproponiamo per far partecipare all'iniziativa.
Tornare in alto Andare in basso
TRuX
Consigliere Ducale
Consigliere Ducale
avatar

Numero di messaggi : 1697
Età : 26
Data d'iscrizione : 26.12.08

MessaggioTitolo: Re: Attuazione programma in consiglio   Mer 9 Nov 2011 - 23:17

Sarebbe opportuno modificare al più presto il Trattato con la Chiesa.
Tornare in alto Andare in basso
pusu92
Militante Supremo
Militante Supremo
avatar

Maschile Numero di messaggi : 5869
Età : 25
Data d'iscrizione : 09.05.10

MessaggioTitolo: Re: Attuazione programma in consiglio   Mer 9 Nov 2011 - 23:18

TRuX ha scritto:
Sarebbe opportuno modificare al più presto il Trattato con la Chiesa.

quello solo se avremo un nostro duca.
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Attuazione programma in consiglio   

Tornare in alto Andare in basso
 
Attuazione programma in consiglio
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» consiglio su regalino
» consiglio per la mia tesora luna!..
» non è un film ma il programma di fazio e saviano è per me stupendo....
» consiglio su kit di ricostruzione da acquistare
» consiglio gel base

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Partito Popolare Milanese :: Elezioni Ducali di Novembre 1459-
Andare verso: